occhi elisa  

Nel 2007, in occasione della giornata mondiale della vista, una giovanissima scrittrice, Elisa Raimondi, dà alle stampe un volumetto intitolato “Anche le principesse portano gli occhiali” in cui descrive in chiave fatata il rapporto di amore e odio con i suoi “cristalli magici”. Ci sono gesti che gli adulti fanno senza neanche pensarci, ma che ai bambini risultano mille volte più faticosi. Uno di questi è infilarsi un paio di occhiali. Elisa questa difficoltà l’ha conosciuta fin da piccola ma ha saputo accettarla e superarla, grazie alla pazienza della mamma ed alla propria capacità di non abbattersi. Da quella fonte ha anzi tratto lo spunto per scrivere un racconto ambientato in un regno immaginario: una principessa recupera il sorriso perduto grazie all’aiuto delle fate Iridine e di due cristalli incantati, che un bambino può interpretare come due occhiali e un adulto come due occhi magici, che aiutano a osservare il mondo senza pregiudizi per scoprirne tutti i colori. Il dottor Roberto Magni, che per anni ha assistito Elisa aiutandola ad affrontare e superare il suo problema di visione, ha pensato che da quel libro potesse nascere un progetto di prevenzione visiva indirizzato ai bambini molto piccoli. E così nasce il progetto “Elisa”.
Oggi, grazie alle nuove tecnologie, è possibile diagnosticare precocemente l’ambliopia, più comunemente conosciuta come occhio pigro (che ogni anno colpisce mediamente il 3% dei nuovi nati, portando a cecità monoculare) così come altri importanti difetti di vista, intervenendo in tempo per curarli. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ci dice che l’ambliopia rappresenta una delle principali cause di deficit visivo nell’infanzia e nei giovani al di sotto dei 20 anni. A causa di questa mancanza di prevenzione il 35% dei bambini che frequentano attualmente la scuola portano gli occhiali da vista e spesso manifestano anche difficoltà nell’apprendimento scolastico che potrebbero essere ricondotte a disturbi della vista. Prevenire l’ambliopia ha anche un positivo risvolto socio economico, in quanto numerosi studi al riguardo hanno confermato che la spesa per uno screening visivo preventivo è di gran lunga inferiore a quello sostenuta per far fronte alle ricadute sociali di questa patologia se trascurata. Il Progetto Elisa per la diagnosi precoce dell’ambliopia prevede screening visivi gratuiti rivolti a bambini in tenera età. Grazie a questi controlli è stato possibile intercettare in tempo importanti problematiche della vista che potranno trovare una positiva soluzione proprio grazie alla diagnosi precoce. Proprio nei primissimi anni di vita si sviluppa, infatti, la funzione visiva ed è in questo periodo che vanno evidenziate e, per quanto possibile, rimosse le cause che possano turbare tale sviluppo. Soprattutto nel caso del cosiddetto “occhio pigro” è fondamentale una diagnosi precoce, in quanto le possibilità di recupero dell’occhio ambliopico mediante apposita terapia decrescono in maniera proporzionale all’età del soggetto. In tutto il mondo medico-scientifico è riconosciuta l’importanza della prevenzione per garantire una buona salute ed una migliore qualità della vita.
A Como lo screening gratuito per i bambini di età tra i 6 mesi e i 3 anni sarà organizzato, in collaborazione con il Comune di Como - l’assessorato alle Politiche Educative, rappresentato dal vicesindaco Silvia Magni. L’appuntamento, doppio, è per il 31 marzo, venerdì, dalle 9 alle 18 a Palazzo Cernezzi, in sala Stemmi (via Vittorio Emanuele II) e poi domenica 9 aprile, in occasione del Lion Day, in piazza Grimoldi dalle 10 alle 17. Il referto dell’esame (un’autorefrattometria binoculare) sarà consegnato subito ai genitori.

 

i risultati:

Spedite 320 lettere ai neonati di Como dai 16 ai 22 mesi.
Hanno aderito 96 bambini (il 30%)
i bambini che non presentavano difetti di vista erano 74 (il 77 % circa dei bambini esaminati)
i bambini che presentavano difetti di vista non allarmanti erano 13 (il 13 % circa dei bambini esaminati)
i bambini esaminati che presentavano di vista preoccupanti per i quali è stata consigliata una visita oculistica urgente erano 10 ( il 10 % circa dei bambini esaminati)

A ciascun genitore sono stati presentati i risultati da un oculista o da un ortottista, anche ai genitori che non avevano problemi sono stati spiegati i fini dello screening e in particolare è stato evidenziato che lo screening non può valutare se vi sia un rischio di strabismo, rischio che si può verificare solo mettendo le gocce, ai genitori sono state date raccomandazioni sulla corretta gestione dei problemi oculari della prima infanzia.

A tutti è stata data la propria documentazione clinica con i dati emersi dall'esame.

Hanno partecipato alla giornata denominata "Progetto Elisa":
1 oculista
1 ortottista di Verbania
1 ortottista di Monza
1 ottico
2 tecnici qualificati
4 membri del Leo Club di Como
Gino Ballestra e Roberto Simone Lions (in rappresentanza del Lions)
Sandro Ferrara in rappresentanza del Rotary Club Como
Fulvia Bianchi Longo in rappresentanza del Rotary Club Como Baradello
Giuditta Barzetti Lions Club Plinio il Giovane
La Corte Presidente dell'Unione Italiana Ciechi Sezione provinciale di Como

Hanno fatto visita alla sala Stemmi dove si svolgeva lo screening il sindaco Lucini e altre autorità politiche oltre a soci del Lions e del Rotary.

Erano in funzione 5 apparecchi per la diagnosi precoce dei difetti di vista.

loader

banner gero

 

Via Fratelli Recchi, 11 - 22100 Como
Tel. +39 347 5532 122
rotarycomo@gmail.com

C.F. 95013310131

COOKIE POLICY



© 2017 - Tutti i diritti riservati.
web by sofos LAB